Salute, Salute&Benessere, Sanità

Premiato negli Usa, snobbato in Italia. Italiano il miglior virologo al mondo

Criticò l’obbligo vaccini. Giulio Tarro, 2 volte candidato al Nobel, premiato all’Hotel Plaza come miglior virologo al mondo. Ma è tabù parlarne. Intervista

In Italia di un virologo candidato al Nobel non sappiamo che farne. Sui vaccini nessuno ha voluto sentirlo parlare. Si chiama Giulio Tarro, allievo di Albert Sabin (l’inventore del vaccino contro la poliomielite), più volte candidato al Nobel per la Medicina, e questa sera riceverà il premio di virologo dell’anno dall’Associazione internazionale dei migliori professionisti del mondo (IAOTP). La cerimonia si terrà all’Hotel Plaza di New York, luogo di grandi celebrazioni istituzionali americane e set di film famosi, e una sua gigantografia capeggerà in Time Square, ma sui giornali italiani non ne troveremo traccia.

Il professore napoletano, presidente della Commissione sulle biotecnologie della virosfera all’Unesco e autore di numerose ricerche presso le università statunitensi, tra cui alcune sul rapporto tra virus e tumori, sarà l’unico italiano insignito alla cerimonia.

Oltre ad aver ricevuto innumerevoli riconoscimenti e incarichi durante la sua lunga carriera Tarro, con la sua biografia, verrà anche inserito nella rivista TIP (Top Industry Professionals) e premiato con l’Albert Nelson Marquis Lifetime Achievement Award dall’Associazione internazionale dei migliori professionisti, con la biografia pubblicata sul The Wall Street Journal.

Forse la colpa di Giulio Tarro, che ricopre incarichi istituzionali e accademici anche in Italia, è essersi espresso in passato con grande scetticismo sull’obbligo dei vaccini imposto dai governi italiani (Renzi-Gentiloni con ministro Beatrice Lorenzin). Così lo abbiamo sentito con Affaritaliani, come facemmo in esclusiva nel marzo scorso, quando in tema di vaccinazioni ci spiegò tra il serio e il divertito che “qualcuno pensa al nostro posto, il Grande fratello, Big Pharma”.

Professore, intanto congratulazioni, ma lei è sempre più un mistero… la premiano negli Stati Uniti, ha riconoscimenti in tutto il mondo e in Italia non le fanno dire neanche una parola sui vaccini!?

“Su questo tema non vengo contattato dall’Italia. Nessuno mi ha mai chiesto niente perché qui sui vaccini c’è una guerra ideologica, quindi che vuole che le dica (se la ride) la scienza e la realtà servono a poco in questi casi”.

 

Ma lei è spesso negli Stati Uniti, dove ha anche lavorato, è lì non c’è l’obbligo di vaccinazione…

“Qui si usa la persuasione e solo il 3% della popolazione non si vaccina. Un risultato ottimo. Veda un po’ lei se funziona o meno. Forse noi italiani non sappiamo pensare e allora qualcuno deve farlo al posto nostro (ride)”

Avanza una medicalizzazione estrema, nella nostra società!?

“Le cose non devono essere imposte. Ad esempio i virus non sono sempre cattivi. In alcuni emisferi servono a far crescere le piante. Ma in Italia tutta la questione è diventata ideologica e non trattata con le dovute cautele. Ma vediamo di cosa parliamo. Il vaccino è un farmaco e un mezzo di prevenzione per impedire o limitare l’azione di un virus. La prima richiesta sarebbe quella di fare un composto che deve fare solo bene. Cosa già più difficile perché parliamo comunque di farmaci. Diventa poi tutto ancora più arduo, visto che abbiamo a che fare con bambini e le sostanze che vi sono nei vaccini non devono avere effetti negativi su questi organismi ancora delicati. Chi riceve il vaccino deve essere controllato, risultando in buone condizioni di salute. Abbiamo cioè tutta una serie di variabili di non facilissima gestione e non controllabili al 100%. Per questo si preferisce la persuasione, spiegando come stanno le cose, e facendo un’anamnesi del paziente. Ma se si abbraccia la strada di una vaccinazione di massa questo non è possibile”.

 

E la famosa immunità di gregge?

“Ma bisogna arrivare al 95% della copertura e in quel caso sì, il virus circola meno, anche se resta un 5% della popolazione che vive a sbafo (ride, poi si fa serio). Resta solo una questione statistica. Su come intervenire bisogna sempre avere cautela e vedere caso per caso, se l’organismo è in salute o se nel soggetto vi sono delle immunodeficienze costituzionali, congenite o acquisite.”

 

Ma qual è il problema italiano?

“In generale e si riversa anche in questo campo, la mancanza di meritocrazia in tutto. E’ il nostro grande gap. Ma per orientarsi nel mio settore basta tornare a Pasteur. Come diceva, ‘l’organismo è tutto rispetto al microbo’. Noi possiamo sollecitare delle difese ma deve essere l’organismo a reagire.”

 

Cosa consiglia al nuovo governo? Cosa deve fare?

“Non consiglio nulla. Sta facendo. Il ministro è un medico e quindi ha una preparazione nel campo. Sui vaccini il nuovo governo si è mosso con grande saggezza”.

 

A proposito di scelte politiche. Di recente in Emilia Romagna vi è stata un violenta polemica perché la Regione vuole tenere solo gli infermieri sulle ambulanze del 118. Lei che pensa?

“Conosco la realtà americana è lì gli infermieri sulle ambulanze sono formati come fossero medici. In Italia, per quanto molto bravi, non siamo agli stessi livelli. Se raggiungessimi, in quel settore, gli standard americani si potrebbe anche fare così, ma per adesso non ha senso”.

 

E che pensa degli attacchi di media e istituzioni al presidente dell’Ordine dei medici Giancarlo Pizza che ha radiato l’assessore regionale che ha preso questa decisione?

“E’ davvero un ottimo professore. L’ho conosciuto anni fa quando insieme ci occupavamo di immunoterapia. Oggi negli Stati Uniti non si parla d’altro, ma allora eravamo eretici. Sa, negli Stati Uniti la meritocrazia ha un valore importante. In Italia non mi sembra (ride)”.

 

Allora… buon premio e speriamo qualcun’altro si accorga di lei… anche per la nostra salute di italiani.

“Forse, quando mi assegneranno il premio di ‘Roccacannuccia’… (ride, sottovoce)”


Giulio Tarro, MD, Ph.D, Capo, Divisione di Virologia e Presidente del Comitato Etico per l’Ospedale D. Cotugno per le Malattie Infettive, è stato recentemente selezionato come Virologist of the Year dall’Associazione Internazionale dei Migliori Professionisti (IAOTP), per la sua eccezionale leadership ed impegno nel settore.
Mentre l’inclusione con l’Associazione internazionale dei migliori professionisti è in sé un onore , solo pochi membri in ogni disciplina vengono scelti per questa distinzione. Questi premi speciali si distinguono in base ai successi professionali, risultati accademici, capacità di leadership, longevità sul campo, altre affiliazioni e contributi alla comunità. Tutti i premiati sono invitati a partecipare al gala annuale della IAOTP alla fine di quest’anno per una serata in onore dei loro successi.

Con oltre 5 decenni di esperienza professionale in Medicina ed Istruzione, il dott. Tarro ha sicuramente dimostrato di essere un abile ed esperto professionista del settore. In qualità di leader ha dimostrato di avere successo non solo come medico, ma anche come professore , scienziato e tenente colonnello della marina italiana. Il suo impressionante repertorio di ruoli ricoperti includono il Research Associate per la Divisione di Virologia e Cancer Research del Children’s Hospital Research Foundation, Assistant Professor di Pediatria della Università di Cincinnati College of Medicine, Primo Ricercatore dell’Italian National Research Council, Professore di Virologia Oncologica dell’Università di Napoli, Direttore del Progetto per il National Cancer Institute, Professore di Microbiologia e Immunologia presso la Scuola di Specializzazione in Nefrologia Medica dell’Università di Napoli, Senior Scientist del Frederick Cancer Research Center, Professore a contratto del Dipartimento di Biologia, responsabile scientifico del Center for Biotechnology College of Science and Technology del Temple University. Le sue aree di competenza includono Virologia murina, Chemioterapia antivirale, Effetti degli inibitori sulla replicazione virale, studi sul ruolo di herpesvirus nel cancro, Immunologia tumorale e Patologia dell’AIDS.

Il Dott. Tarro ha conseguito la Laurea in Medicina e ha conseguito il diploma di Specializzazione in Malattie Nervose e Mentali, laureandosi con Summa Cum Laude all’Università di Napoli. Nel 1971 ha ottenuto la sua cattedra in Virologia a Roma. Il Presidente della IAOTP, Stephanie Cirami, ha dichiarato che “La scelta del Dr. Tarro per questo premio è stata una decisione facile per il nostro panel. È brillante, la sua lista di successi e riconoscimenti è oltremodo impressionante, è attivo in numerose organizzazioni e affiliazioni, era esattamente quello che stavamo cercando. Sappiamo che vedremo cose l eccezionali da quest’uomo e spero di passare del tempo con lui al gala”. Nel corso della sua illustre carriera, il dott. Tarro è stato attivo nella sua comunità ed è riconosciuto in tutto il mondo per la sua eccezionale leadership e impegno nel campo della virologia. Ha ricevuto numerosi riconoscimentied è apparso in numerose pubblicazioni. Per il 2019, il dott. Tarro sarà considerato nella rivista TIP (Top Industry Professionals) e per il Lifetime Achievement Award dall’Associazione internazionale dei migliori professionisti (IAOTP).

Per il 2018, oltre ad essere stato selezionato come miglior virologo dell’anno dall’Associazione internazionale dei migliori professionisti (IAOTP), ha ricevuto il Premio alla carriera Albert Nelson Marquis. Nel 2012 ha ricevuto il Premio Internazionale Le Muse Florence, la medaglia d’oro Aranan della Royal House membro dell’AAAS e nel 2011 ha ricevuto l’International Peace Award e il Global Education Sanremo Award. Nel 2010 il Dr. Tarro ha ricevuto il Premio Nazionale di solidarietà di Fratres St. Giovanni La Punta e nel 2009 il Lifetime Achievement Award di Sbarro Health Research Organization. Nel 1987 ha ricevuto il Primo Premio in Ricerca Biomedica dall’Accademia Italiana delle Arti e delle Scienze, solo per citarne alcuni.

Oltre alla sua carriera di successo, il Dr. Tarro è anche un ricercato docente, relatore, detiene oltre 17 brevetti. È autore e coautore di oltre 500 articoli su riviste specializzate e capitoli di libri. Il Dr. Tarro ha ricoperto numerosi ruoli di leadership con organizzazioni professionali, tra cui Life President di Teresa e Luigi de Beaumont Fondazione Bonelli per la ricerca sul cancro, Coordinatore scientifico della Ipertermia porosa in pazienti HCV, Presidente del Centro tecnologico ed ecologico campano, vicepresidente e segretario generale del comitato consultivo Sceintif di Unihart Biotech Pharma, membro del comitato etico dell’Ospedale oncologico della Basilicata, presidente del comitato per le biotecnologie e VirusSphrere, World Academy of Biomedical Technologies.

Guardando indietro, il dott. Tarro attribuisce il suo successo alla sua esperienza, all’educazione, ai mentori che ha avuto lungo la strada e alla passione per tutti i suoi sforzi. Il dottor Tarro dice di essere stato benedetto, ama fare quello che sta facendo e sente che questo è solo l’inizio. Quando non lavora, ama passare il tempo con la sua famiglia e viaggiare. Per il futuro, il dottor Tarro spera di continuare a fare la differenza nella vita delle persone in ogni caso.


Dr. Giulio Tarro selected as Top Virologist of the Year by the International Association of Top Professionals (IAOTP)


Giulio Tarro, M.D., Ph.D, Chief, Division of Virology and President of the Ethic Committee for D. Cotugno Hospital for Infectious Diseases, was just recently selected as Top Virologist of the Year by the International Association of Top Professionals (IAOTP), for his outstanding leadership and commitment to the industry.

While inclusion with the International Association of Top Professionals is an honor in itself, only a few members in each discipline are chosen for this distinction. These special honorees are distinguished based on their professional accomplishments, academic achievements, leadership abilities, longevity in the field, other affiliations and contributions to their communities.  All honorees are invited to attend the IAOTP’s annual award gala at the end of this year for a night to honor their achievements. www.iaotp.com/award-gala.

With over 5 decades of professional experience in Medicine and Education, Dr. Tarro has certainly proven himself as an accomplished professional and expert in the field.As a results-driven leader he has demonstrated success not only as a Doctor, but also as a trusted and seasoned Clinical Professor, Scientist, and as a Lieutenant Colonel for the Italian Navy. His impressive repertoire of prior roles have included Research Associate for the Division of Virology and Cancer Research for the Children’s Hospital Research Foundation, Assistant Professor of Research Pediatrics, for the University of Cincinnati College of Medicine, Research Chief for Italy National Research Council, Professor of Oncologic Virology for the University of Naples, Project Director for the National Cancer Institute, Professor of Microbiology and Immunology at the School of Specialization in Medical Nephrology for the University of Naples, Senior Scientist for Frederick Cancer Research Center, Adjunct Professor for the Department of Biology, Center for Biotechnology College of Science and Technology for Temple University. His areas of expertise include Murine Virology, Antiviral Chemotherapy, Effects of inhibitors on viral replication, studies on the role of herpesviruses in cancer, Tumor immunology and Pathology of AIDS.

Dr. Tarro earned his Medical Degree and received his diploma of Specialist in Nervous and Mental Diseases, graduating Summa Cum Laude from the University of Naples.In 1971 he completed his Professorship in Virology in Rome. The President of IAOTP, Stephanie Cirami stated that “Choosing Dr. Tarro for this award was an easy decision for our panel to make.He is brilliant, his list of accomplishments and accolades are beyond impressive, he is active in numerous organizations and affiliations, he was exactly what we were looking for.We know we will be seeing more outstanding things from this man and hope to spend time with him at the gala.”

Throughout his illustrious career, Dr. Tarro has been active in his community and recognized worldwide for his outstanding leadership and commitment to the field of Virology. He has received many awards, accolades and has been featured in numerous publications multiple years in a row such as Marquis Who’s Who, Who’s Who in Italy, Who’s Who in Medicine and Healthcare, Who’s Who in Science and Engineering, Grand Ambassadors of Achievement International, International Who’s Who of Intellectuals, Who’s Who in European Research and Development, The Barons 500 Who’s Who: Leaders for the New Century, Five Thousand Personalities of the World, Who’s Who in Medicine and Healthcare, and Who’s Who in the World.For 2019, Dr. Tarro is being considered to be featured in TIP (Top Industry Professionals) Magazine and for the Lifetime Achievement Award by the International Association of Top Professionals (IAOTP).For 2018 he was selected as Top Virologist of the Year by the International Association of Top Professionals (IAOTP) and recipient of the Albert Nelson Marquis Lifetime Achievement Award.In 2012 he received the International Prize Le Muse Florence, the AAAS Member Royal House Aranan Gold Medal and in 2011 recipient of the International Peace Award and Global Education Sanremo Award.In 2010 Dr. Tarro received the National Award for solidarity by Fratres St. Giovanni La Punta and in 2009 the Lifetime Achievement Award by Sbarro Health Research Organization.In 1987 he received the First Prize in Biomedical Research from the Italian Academy of Arts and Sciences just to name a few.

Aside from his successful career, Dr. Tarro is also a sought after lecturer, speaker, holds over 17 patents, and published author.He has authored and co-authored more than 500 articles in professional journals and chapters in books.Dr. Tarro has held numerous leadership roles with professional organizations, including Life President of the Teresa and Luigi de Beaumont Bonelli Foundation for Cancer Research, Scientific Coordinator of Extracorporeal Hyperthermia in HCV Patients, President of Campania Technology and Ecology Center, Vice Chairman and General Secretary of the Sceintific Advisory Board of Unihart Biotech Pharma, Member of the Ethics Committee of Basilicata Oncologic Hospital, Chairman Committee on Biotechnologies and VirusSphrere, World Academy of Biomedical Technologies.

Looking back, Dr. Tarro attributes his success to his experience, education, mentors he has had along the way and staying passionate in all his endeavors.Dr. Tarro says he has been blessed, he loves doing what he is doing, and feels this is just the beginning.When he is not working he enjoys spending time with his family and traveling. For the future Dr. Tarro hopes to continue to make a difference in people’s lives anyway that he can.

For more information on Dr. Tarro please visit: www.giuliotarro.it

About IAOTP

The International Association of Top Professionals (IAOTP) is an international boutique networking organization who handpicks the world’s finest, most prestigious top professionals from different industries.  These top professionals are given an opportunity to collaborate, share their ideas, be keynote speakers and to help influence others in their fields. This organization is not a membership that anyone can join.  You have to be asked by the President or be nominated by a distinguished honorary member after a brief interview.

IAOTP’s experts have given thousands of top prestigious professionals around the world, the recognition and credibility that they deserve and have helped in building their branding empires.  IAOTP prides itself to be a one of a kind boutique networking organization that hand picks only the best of the best and creates a networking platform that connects and brings these top professionals to one place.

 

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*